Star Wars: Il Risveglio della Forza – primo teaser trailer

Finalmente è stato pubblicato online il primo teaser trailer di Star Wars: Il Risveglio della Forza il nuovo capitolo della saga fantascientifica di Guerre Stellari di George Lucas.

Come molti di voi sapranno la regia è di JJ Abrams (noto per aver diretto film come Star TrekInto Darkness, Super 8 e la serie Lost). Il film, il settimo del franchise, uscirà nei cinema tra più di un anno ma già ora potete vederne le prime immagini “in azione”.

Di seguito ecco la versione italiana, mentre per quella in inglese cliccate qui

Secondo le date ufficiali di uscita manca però ancora non poco.
Il 18 dicembre 2015 sarà la data della prima assoluta, negli Stati Uniti, mentre per l’Italia dovremmo attendere il 5 gennaio 2016.
Sulla trama oltre alle ipotesi derivate da dichiarazioni varie e voci di corridoio (che potete vedere nei post precedenti) ancora non si sa molto.
Ufficialmente sono passati circa 30 dagli eventi narrati in Episodio VI – Il Ritorno dello Jedi.

Sono stati confermati alcuni volti nuovi, quali John Boyega, Daisy Ridley, Adam Driver, Oscar Isaac, Andy Serkis, Domhnall Gleeson, Max von Sydow e Lupita Nyong’o.
Al momento fra i volti già conosciuti al pubblico, solo questi sono stati resi ufficiali:
Harrison Ford (Han Solo), Mark Hamill (Luke Skywalker), Anthony Daniels (D-3Bo), Peter Mayhew (Chewbacca) e Kenny Baker (C1P8) e Carrie Fisher (Leila).

Per rimanere aggiornati,
Facebook: https://www.facebook.com/StarWars.it
Twitter: https://twitter.com/StarWarsIT

Pubblicato in Episodio VII | Lascia un commento

Star Wars Episode VII – Guerre Stellari Episodio 7

star-wars-episode-7-poster-502x640

Possiamo dire che la gente non fa altro che parlare di Episode VII dai tempi dell’uscita de “Il Ritorno dello Jedi.”
Partiamo con il dire una cosa: perchè Star Wars e non Guerre Stellari?
In realtà sarebbe giusto il secondo, il titolo scelto per l’adattamento italiano, ma dal trentesimo anniversario, si è tutto mondialmente uniformato con il marchio Star Wars.

>> Attenzione, contiene spoiler! <<

Tutti si chiedono, cosa ci aspetterà da questo capitolo… La gente teoricamente lo aspettava come sequel della saga ancora prima della trilogia prequel. Specialmente ora che sarà una co-produzione fra Lucas Film e Disney. Le news corrono veloci su tanti siti, ed è difficile capire cosa ci sia di vero e cosa no, soprattutto perchè ognuno dice la sua, ognuno trova un pezzetto di intervista, dichiarazioni, ecc… e riporta le cose. Vorrei provare a creare un po’ di ordine, raggruppando i vari frammenti. Magari al contrario creo ancor più disordine, chi può dirlo. Ma in ogni caso fornirò informazioni che possono essere interessanti, prendendo come fonti siti e blog, italiani e stranieri.

Partiamo col dire che George Lucas aveva detto più volte che una volta finito di girare Episode III, sarebbe tutto finito, in termini cinematografici, e sarebbe andato avanti solo l’universo espanso, ovvero tutte le opere in altri formati (quindi tutto, a parte i film pper il cinema) derivate da Guerre Stellari, e a seconda del canone, più o meno collegate alla continuity assoluta (cioè quella delle due trilogie) ma di non negare che se qualcuno l’avesse voluta fare, sicuramente non si sarebbe opposto alla cosa.

La prima cosa che notiamo infatti, e che ormai si sa da tempo, è che la regia non sarà purtroppo sua, ma di J.J.Abrams.
Sicuramente un ottimo regista, ma personalmente preferisco di gran lunga Lucas. Trovo Abrams un regista più adatto a film chiassosi e rumorosi, e molto rapidi. Non adatto a creare film epici, ricchi di carisma e di stile, come deve essere un capitolo di questa saga.
Se proprio non doveva farlo Lucas, allora ci avrei potuto vedere Guillermo Del Toro (Il labirinto del fauno, Pacific Rim), o magari Steven Sommers (Deep Rising, La mummia, J.I.Joe, ecc..).
O perchè no, proprio il caro amico Spielberg.
La scelta quindi in tutta sincerità la trovo alquanto azzardata. Ma mai dire mai, dovremo prima vederlo, per poterlo giudicare. Certo nella fantascienza l’abbiamo già visto, Star Trek: Into Darkness è un bel film, ma nel complesso sembra più una puntata di una fiction sci-fi, che un film vero e proprio. Ed è questo ciò che mi preoccupa.
Tuttavia un regista dotato della sua intelligenza e del suo talento, se saprà adattarsi, potenzialmente potrebbe fare un lavoro all’altezza del nome che porterà sul set.

Anche la sceneggiatura non sarà di Spielberg. Chiaramente il soggetto, la supervisione e probabilmente l’approvazione si, ma la stesura sarebbe dovuta essere di Michael Arndt, ricordiamo sceneggiatore di Little Miss Sunshine – che gli valse il premio oscar, Toy Story 3 la grande fuga, e Hunger Games la ragazza di fuoco. Invece è probabile che Arndt scriverà quella di Episode VIII, poichè per il VII è stato confermato Lawrence Kasdan, famoso per aver scritto L’impero colpisce ancora, Il ritorno dello Jedi e I predatori dell’arca perduta.
Probabilmente questo garantirà un po’ più di fedeltà al film, con i capitoli precedenti.

Sono state realizzate diversi art e concept delle locandine,  il primo riportato all’inizio dell’articolo è probabilmente quello più vicino e fedele allo stile delle locandine della saga.
Qui possiamo vederne altre, di cui l’ufficialità è sicuramente dubbia, inteso che alcune potrebbero far parte di concept creati dagli artisti assunti per realizzare quella ufficiale, mentre altre possono essere state realizzate da fans:
new_star_wars_trilogy_poster_by_glebe_by_twynsunz-d60souo star_wars_vii_episode_7 Star-Wars-Episodio-VII-3

Personaggi:
La vicenda girerà chiaramente sui protagonisti della trilogia classica, quindi Luke Skywalker, Han Solo, Leia Organa, Lando Clarissian, Chewbacca, C1P8 (R2D2) e D3BO (C3PO). Ma non solo, a questi si aggiungono nuovi personaggi: la nuova generazione di Jedi rappresentata dai figli di Han e Leia: Jaina, Jacen e Anakin Solo. Nei film a seguire probabilmente si vedranno i figli crescere e quindi nascere la nipote di Han,  Allana Solo.

Altro personaggio chiave è Mara Jade, inizialmente al servizio dell’impero, ma che successivamente si innamorerà da Luke, passando dalla parte dei Jedi.
La sua presenza all’interno del film è abbastanza ovvia.

Non sappiamo se comparirà il cavaliere jedi Kyle Katarn, personaggio noto all’interno dell’universo espanso, in particolare in fumetti e videogame.

Un personaggio interessante che sarebbe bello vedere, ma la cui presenza è sconosciuta, è Dash Rendar, che tutti credono morto nella battaglia intorno a Coruscant contro Xizor, ma che in realtà si è salvato andando nell’iperspazio, e da allora non si è più visto.

Anche Boba Fett è considerato morto ne Il ritorno dello Jedi, ma come si scopre nei volumi a lui dedicati, dell’universo espanso, è ancora vivo, riuscì infatti ad uscire dal Sarlacc.
Nei film fa magre figure, ma come cacciatore di taglie si dimostra abile (sempre parlando dell’universo espanso). Probabile che lo vedremo in Episode VII.

Ci sarà anche la presenza dei maestri dal passato, che ritornano sotto forma di spiriti, utilizzando il potere della forza, rimasto ancora presente in loro.
Parliamo di Yoda, Obi-Wan Kenobi, Qui-Gon(del cui ritorno si parla in Episodio III, senza tuttavia mostrarlo), di Mace Windu, e forse anche di altri minori.

Trama:

La trama è in gran parte segreta, anche se dalle opere ufficiali dell’universo espanso, ne possiamo dedurre diverse situazioni, che già sono state accennate nella descrizione dei personaggi. E’ importante precisare, come già detto, che l’universo espanso è stato preso in revisione dalla Disney, e quindi subirà alcune modifiche, rispetto a quello conosciuto dai fans. Speriamo si tratti di modifiche intelligenti e ponderate e non di tagli gratuiti solo per snellire la trama.

Prima di tutto è certo che Episode VII si svolgerà ameno 20 anni dopo Il Ritorno dello Jedi. In questo periodo, è in atto la ricostruzione della repubblica, evento su cui verterà tutta la nuova trilogia. La storia è sempre incentrata su un gruppo di persone, una famiglia.
Uno dei punti chiave sarà l’avventura di Luke per diventare un premier dei cavalieri Jedi, rifondando l’ordine che era andato perduto con la morte di quasi tutti i maestri conosciuti, durante la rivolta dei cloni governati dall’imperatore.
Ci sarà sempre la battaglia fra il bene, e fra il lato oscuro. Che come sempre tenterà anche i protagonisti, in particolare uno dei figli di Han, ma in certi casi troverà delle conversioni, come quella di Mara Jade, che cambia innamorandosi di Luke.

Fra i nuovi attori che potrebbero essere coinvolti, spuntano questi nomi:
Adam Driver, Michael Fassbender, Hugo Weaving , Tye Sheridan e Zac Efron.

Uscita nelle sale

Al momento imdb riporta ufficialmente queste date di uscita:

Peru: 2015
Russia: December 2015
Canada: 18 December 2015
France: 18 December 2015
UK: 18 December 2015
Netherlands: 18 December 2015
USA: 18 December 2015
Australia: 26 December 2015
New Zealand: 26 December 2015
Italy: 5 January 2016

Casting:

E’ possibile candidarsi, principalmente per comparse o piccoli ruoli.

Pubblicato in Episodio VII | Lascia un commento

Il lato oscuro della critica

Star Wars è sempre stato preso di mira dalle critiche, fin dall’uscita. A livello economico è diventato uno dei brand più venduti di sempre, ma a livello artistico, non ha avuto tutti i meriti che meritava.

La prima critica venne dal regista Brian De Palma, ancora prima che il primo film (Una nuova speranza) uscisse.
L’aveva visto in anteprima, quando Lucas lo proiettò ai suoi amici.
Stiamo parlando di De Palma, che lo reputò un film sconclusionato a metà fra l’epico e la favola. Un regista di tutto rispetto ma che sparisce di fianco a Lucas e cui film non se li ricorderà nessuno. Anche alcuni critici provarono a smontare i vari capitoli, come Chris Gore che reputava Il ritorno dello Jedi un film banale.
Idem per gli oscar, l’anno di Guerre Stellari, 1978, miglior film andò a Woody Allen (uno dei registi più raccomandati nella storia del cinema) per “Io e Annie”, ottima e gradevole commedia, ma di cui nessuno si ricorda se ne parliamo.
E questo come sempre per dire che quando qualcuno arriva dove nessuno è arrivato, se non ha tutte le raccomandazioni necessarie, verrà sempre criticato più del dovuto, e troverà sempre gente invidiosa pronta a smontarlo, al minimo errore, a cercare il pelo nell’uovo.
Lucas ha cambiato il mondo del cinema, tutti e tre i Guerre Stellari potevano vincere tranquillamente l’oscar come miglior film.
Tuttavia, nonostante il riconoscimento artistico sia stato inferiore al reale merito, il riconoscimento economico come abbiamo detto, ha sicuramente colmato notevolmente la cosa! Anzi è andato al di sopra di ogni aspettativa, finendo forse – e qui muovo

Sulla nuova trilogia (Episodio I, II e III) c’è sicuramente un discorso a parte.
Non siamo al livello di capolavoro unico nella storia del cinema come per la vecchia trilogia, ma ci troviamo ugualmente di fronte a tre piccoli capolavori di fantascienza.

Per provare a smontare il successo di Episodio I, iniziarono a nominare il film per i Razzie Award. Nei confronti di un film così bello si è trattato sicuramente di un qualcosa di pilotato da parte di qualcuno che voleva smontare il ritorno della saga.
Si possono fare mille critiche al film, lo stesso Ewan McGregor ha detto che il film mancava del colore dello humour dei trilogia classica. Ma di qui a candidarlo per un Razzie Award ci vuole un bel coraggio. Palese dimostrazione che la corruzione avveniva a tutti i livelli (escludiamo che la giuria dei Razzie fosse talmente ubriaca/fatta da sceglierlo volontariamente ma che abbia accettato per soldi).
Persino Jake Lloyd, che aveva fatto un eccellente interpretazione, fu candidato. Nonostante abbia anche vinto il premio di miglior attore giovane Young Artist Award.
Ci riprovano con Episodio II, un film egregio, che oltretutto segna un passaggio storico: fu infatti il primo girato in digitale, che ha gettato le basi del cinema attuale, per il modo in cui è stato girato. Fu infatti girato con la Sony F900 (in versione speciale, attrezzata da Panavision e ribattezzata per l’occasione Panavision HD 900F).
Il film è obiettivamente splendido. Si sposta dalle tematiche solite, andando verso un qualcosa di più romantico cavalleresco. Di nuovo c’è puzza di bustarelle, e infatti Hayden Christensen viene nominato al Razzie Award, nonostante l’ottima performance, sia recitativa che con la spada.
E per completare l’opera, succede la stessa cosa con Episodio III.
Nasce poi la bufala che ai fans di Guerre Stellari non piaceva Jar Jar Binks, e Lucas viene accusato di razzismo in quanto secondo i viaggi mentali degli haters (letteralmente “coloro che odiano”, cioè denigratori gratuiti di un prodotto) sarebbe la parodia di un giamaicano di colore o in generale un africano o un afroamericano. Niente di più stupido, niente di più facile da smontare. E infatti la saga andò avanti, incassò come sempre cifre “galattiche” e queste critiche restano lì, solo a dimostrazione dell’invidia delle persone, e di quanto si accaniscano più a cercare di smontare cose altrui, piuttosto che a costruire le proprie.

Star Wars non è un’opera esente da difetti, da bug ed errori, ma questo non giustifica tutte le critiche gratuite portate, e soprattutto non incide sul fatto che si tratti di una delle saghe cinematografiche più grandi e importanti di tutti i tempi.

Pubblicato in Il mondo di Guerre Stellari | Lascia un commento

Un saluto a tutti i padawan!

Esistono sicuramente miriadi di siti, blog e quant’altro, dedicati a Star Wars.
Questo fan-blog vuole mettere in risalto aspetti della saga meno conosciuti, ma importanti. Lo scopo principale è quello di ordinare la cronologia, anche per importanza (vedremo successivamente meglio come) tra film, videogiochi, fumetti, romanzi, ecc… E di raccogliere news e indiscrezioni su Episodio VII, che nascerà dalla collaborazione della Lucas Film con Walt Disney Pictures.

Buona lettura!

Pubblicato in Il mondo di Guerre Stellari | Lascia un commento